BENVENUTO SU CRESCERE PORTIERE: IL METODO PER LO SVILUPPO DELLA LEADERSHIP DEI GIOVANI PORTIERI

Ciao…

figlio

sono Daniele Rolleri, il fondatore del Metodo per lo Sviluppo della Leadership dei Giovani Portieri, per far crescere tuo figlio forte e sicuro come un vero numero uno.

Il Metodo nasce da molto lontano, più precisamente da quando inizio a tirare i primi calci al pallone e a distruggere vetri e vasi colorati nel cortile di casa.

Questa mia forza “distruttiva” poi si è trasformata in talento sul campo da gioco tanto da farmi vestire addirittura la maglia da numero uno della squadra professionistica della mia città.

Tutto molto bello… Però improvvisamente…

Il sogno viene distrutto da un discorso di fine stagione, davanti a tutti, senza i miei genitori.

Questa mossa del mister mi fa crollare il mondo addosso e da quel momento nessuno riesce a farmi sognare una seconda volta.

Il mio sogno di diventare un portiere di Serie A è distrutto, proprio lì… davanti ai miei occhi.

Continua a Leggere >

𝐂𝐇𝐈 𝐀𝐋𝐓𝐑𝐎 𝐇𝐀 𝐈𝐋 𝐂𝐎𝐑𝐀𝐆𝐆𝐈𝐎 𝐃𝐈 𝐒𝐀𝐋𝐕𝐀𝐑𝐄 𝐈𝐋 𝐆𝐈𝐎𝐕𝐀𝐍𝐄 𝐏𝐎𝐑𝐓𝐈𝐄𝐑𝐄 𝐃𝐀 𝐔𝐍 𝐃𝐄𝐂𝐋𝐈𝐍𝐎 𝐆𝐈𝐀̀ 𝐒𝐂𝐑𝐈𝐓𝐓𝐎?

𝐒𝐭𝐮𝐝𝐢 𝐬𝐜𝐢𝐞𝐧𝐭𝐢𝐟𝐢𝐜𝐢 𝐝𝐢𝐦𝐨𝐬𝐭𝐫𝐚𝐧𝐨 𝐜𝐡𝐞 𝐩𝐞𝐫𝐬𝐨𝐧𝐞 𝐞 𝐚𝐧𝐢𝐦𝐚𝐥𝐢, 𝐜𝐡𝐞 𝐡𝐚𝐧𝐧𝐨 𝐯𝐢𝐬𝐬𝐮𝐭𝐨 𝐥’𝐢𝐬𝐨𝐥𝐚𝐦𝐞𝐧𝐭𝐨, 𝐡𝐚𝐧𝐧𝐨 𝐞𝐯𝐢𝐝𝐞𝐧𝐳𝐢𝐚𝐭𝐨 𝐜𝐡𝐞 𝐚𝐥𝐜𝐮𝐧𝐞 𝐬𝐭𝐫𝐮𝐭𝐭𝐮𝐫𝐞 𝐝𝐞𝐥 𝐜𝐞𝐫𝐯𝐞𝐥𝐥𝐨 𝐯𝐚𝐫𝐢𝐚𝐧𝐨 𝐚 𝐜𝐚𝐮𝐬𝐚 𝐝𝐢 𝐩𝐨𝐜𝐡𝐢𝐬𝐬𝐢𝐦𝐞 𝐢𝐧𝐭𝐞𝐫𝐚𝐳𝐢𝐨𝐧𝐢 𝐬𝐨𝐜𝐢𝐚𝐥𝐢.

Le modifiche sostanziali che si evidenziano nelle strutture cerebrali sono tre:
1️⃣Se alzi la mano e la metti sopra le sopracciglia, lì trovi la corteccia prefrontale.
Questa parte ci permette di svolgere compiti importanti come organizzarsi, pianificare, e soprattutto trovare le risposte su come risolvere un problema.
Nelle persone che hanno vissuto un isolamento prolungato si manifesta una riduzione del volume della corteccia.
Ovviamente, questo si traduce in un aumento delle pessime decisioni e comportamenti anti-sociali.

Continua a Leggere >

CHI STA DISTRUGGENDO I GIOVANI PORTIERI?

Aperta un’inchiesta: con tutti gli impianti sportivi chiusi, società che mandano allenamenti improvvisati online, come si sta formando davvero oggi il giovane portiere?

Il nuovo lockdown ha messo in ginocchio nuovamente la crescita e la formazione di migliaia di giovani portieri in Italia.

La chiusura dei centri sportivi sta ammazzando l’autostima e la fiducia dei ragazzi e tu come genitore non sai più come aiutarlo.

In casa è una continua lotta nel motivare tuo figlio a staccarsi dai dispositivi come tablet, smartphone e video giochi, per spronarlo almeno a fare un pò di movimento.

D’altro canto là fuori, per tenere semi partecipe tuo figlio, le società hanno organizzato degli pseudo allenamenti online senza però raggiungere l’obiettivo primario: la formazione e la crescita.

Ecco perché, Guarda subito il video qui sotto!

Continua a Leggere >

Qual è la paura più grande di un giovane portiere?

A causa del terrore di sbagliare è sempre attuale l’abbandono al calcio giocato di giovani portieri professionisti che non reggono alle pressioni e agli errori in partita.

Un altro giovane portiere dice basta al calcio giocato.

Si tratta di Ted Smith, giovane portiere inglese di 24 anni del Southend che a gennaio era inseguito dal Tottenham di Mourinho.

Per lui era pronta un’ascesa nel calcio vero dopo una carriera costellata di presenze nelle squadre giovanili della nazionale inglese.

Ma allora perché è arrivata questa decisione drastica?

La risposta è tutta qui nelle sue parole rilasciate durante un’intervista ad un quotidiano inglese:

Guarda subito il video qui sotto!

Continua a Leggere >