LE 4 TECNICHE + 1 PER SVILUPPARE UN CARATTERE FORTE E SICURO NEL GIOVANE PORTIERE

Da leggere tutto d’un fiato 

figlio

Il giovane portiere che vedi nel video qui sotto si chiama Daniele e dalla prima volta che è entrato a far parte della nostra “famiglia”, il suo atteggiamento nei suoi confronti, verso i familiari, gli amici e i compagni di squadra è letteralmente cambiato.

Cosa intendo esattamente per “letteralmente cambiato”?

Intendo che prima di scoprire veramente le 4 tecniche per sviluppare un carattere forte e sicuro come un vero numero uno, ha dovuto impegnarsi nell’apprendere il vero motivo che lo spinge ad essere un numero uno.

Molto spesso vediamo giovani portieri che indossano i guanti solo perché hanno provato una volta il ruolo e gli è piaciuto.

Altri perché non hanno alternativa, o giocano in porta o il mister non li considera neanche come dei giocatori.

Diciamo che la sensibilità e la conoscenza del ruolo in determinati contesti dilettantistici non è di casa.

Ciò detto, per il giovane portiere che ha deciso di prendersi la responsabilità di guidare la squadra, che sia per la prima volta che sia da diverso tempo, è di fondamentale importanza entrare proprio nel vero concetto di cosa voglia essere un giovane portiere.

La cosa interessante nell’essere un portiere sta appunto nella parola magica GUIDARE.

Significa praticamente essere consapevoli di avere una qualità che poche persone possono avere: condurre sé stesso e qualcun altro a raggiungere degli obiettivi.

Pertanto da questo pilastro si diramano 4 TECNICHE CHE AIUTANO TUO FIGLIO A SVILUPPARE UN CARATTERE FORTE E SICURO:

 la prima è imparare ad avere CORAGGIO.

Il portiere è una metafora della vita.

In ogni gesto il giovane portiere si esercita nell’affrontare con gioia una sfida, con la finalità di avere lo stesso atteggiamento anche nell’affrontare ciò che anche la vita di tutti i giorni gli mette di fronte.

 la seconda è avere FOCUS.

Imparare di fatto a vivere l’equilibrio nello squilibrio.

Nonostante momenti di massima euforia o di massima stanchezza, il giovane portiere riesce a mantenere un equilibrio controllando la sua emotività.

Se vuole condurre se stesso al raggiungimento di un obiettivo e vuole aiutare anche i compagni di squadra allora il vero senso dell’equilibrio deve inserirlo nel proprio DNA.

 la terza è assumersi la RESPONSABILITÀ, delle proprie scelte che possono allo stesso tempo determinare un risultato.

Essere certo di avere coraggio nel prendere una scelta in autonomia e assumersi la responsabilità delle conseguenze, già in giovane età, aiuta il giovane portiere a sviluppare il suo Pensiero Critico.

 la quarta è avere GIOIA, in tutte le cose che affronta il giovane portiere.

La sensazione di avere paura viene trasformata nella voglia di sbranare la vita con gioia.

Ovvero, affrontare gli ostacoli e i nodi alla gola con l’atteggiamento di chi sa di farcela in ogni caso, con le risorse che ha a disposizione proprio in quel momento.

+ La quarta tecnica più una è costruire un SOGNO.

Una realtà immaginata che rende chiaro l’obiettivo del giovane portiere.

Proprio come succede a Daniele.

Immagina di essere osannato da migliaia di persone, lì davanti alla sua porta, alla sua casa, alla sua fortezza.

Costruisce prima una consapevolezza sui suoi punti di forza, li allena, migliora le sue aree di miglioramento e alla fine coinvolge il suo gruppo a dare il massimo per raggiungere un obiettivo comune:

DIVENTARE PORTIERI PROFESSIONISTI con una spiccata dote di leadership personale.

Se desideri vedere tuo figlio crescere attraverso queste tecniche fondamentali per sviluppare un carattere forte e sicuro come un vero numero uno…

… Allora il mio invito è di iscriverlo subito al PORTIERE DAY che si terrà a Brescia, il 1 settembre 2018.

>> Iscrivilo subito: CLICCA QUI! <<

Fuoco, Forza, Fede

Daniele Rolleri

Commenti

commenti

Lascia un Commento