COME ELIMINARE LA PAURA DELLA PARTITA NEL GIOVANE PORTIERE

Dopo tanti mesi di stop forzato, i campionati sono ripartiti e i giovani portieri hanno paura di sbagliare durante la gara e nessuno riesce ad aiutarli, tranne in un solo caso.

Con la ripresa dei campionati giovanili la percentuale di giovani portieri che avvertono la paura della partita si è alzata notevolmente.

Questo perché con lo stop forzato degli ultimi tempi ha costretto le squadre a passare da un campionato a 9 a quello a 11 e di fatto, i giovani portieri nel trovarsi in porte più grandi e contro avversari fisicamente più strutturati.

Naturalmente, per il giovane portiere è uno shock emotivo enorme e il timore di commettere un sacco di errori prevale sul pensiero di essere un buon portiere all’inizio di ogni partita e ogni allenamento.

Oppure, semplicemente il fatto di tornare in campo e riprendere confidenza con la partita non lascia tranquillo il giovane portiere, il quale viene investito da paure e stati d’ansia.

In più, se sommiamo allenatori che sbraitano durante gli allenamenti e le partite per ogni singolo errore con i piedi, di posizionamento o negli interventi, distruggono l’essenza del portiere.

Oltre a ciò, non possiamo dimenticare le varie urla di genitori in tribuna che non vedevano l’ora di tornare sugli spalti a vedere una partita dei loro figli, che attaccano il giovane portiere se non si muove dai pali o se prende un goal.

Pertanto, settimanalmente il giovane portiere entra in questo loop di negatività e arriva così al bivio di due decisioni: cambio ruolo o smetto per sempre di fare sport.

Ovviamente siamo di fronte ad un dramma oltre che ad essere sportivo è soprattutto personale perché il bambino o il ragazzo non ha alcun strumento per pensare, scegliere e determinare il suo futuro positivamente.

Là fuori trova solo allenatori dei portieri che lo martellano sulla tecnica e lo motivano con frasi del tipo “andrà tutto bene”, “vedrai che ti rifarai nella prossima partita”.

O allenatori che vanno avanti per la loro strada pensando di allenare solo i giocatori con l’unico obiettivo di vincere il campionato, fregandosene del fatto che ha dei portieri da formare.

E in più, addirittura quando è presente un allenatore dei portieri che insegna durante le partitelle i movimenti, la comunicazione, la gestione della gara, si mette a sbraitare contro di lui con frasi del genere: “fenomeno, smettila”, “questo qua viene qui ad insegnare quando alleno”.

È chiaro allora che non è solo responsabilità del giovane portiere se non riesce ad esprimere il suo talento!

Tutto ciò di cui ha bisogno è di un metodo, di un formatore che scopre quali sono oggi i suoi punti di forza caratteriali.

Quelli che lo possono aiutare immediatamente a presentarsi all’allenamento e alla partita con più sicurezza e più coraggio.

Basta davvero poco per eliminare la paura della partita nel giovane portiere.

Dammi un minuto e ti spiego meglio!

Il giovane portiere ha bisogno di una formazione focalizzata sul miglioramento del suo carattere, della sua autostima e motivazione tra i pali.

Lo può fare attraverso un metodo di allenamento mentale e tra i pali, che valorizza il suo talento e i suoi punti di forza, prima di tutto come ragazzo e di seguito come portiere.

Chiaramente, l’aumentare della sua fiducia è un segnale non solo per sé stesso durante la gara ma è un riflesso positivo verso la squadra che avverte di avere le spalle coperte, anche contro avversari blasonati.

Inoltre, l’allenatore modificherà l’atteggiamento nei suoi confronti perché riconoscerà di avere finalmente un ragazzo pronto a salvare la squadra quando serve, senza utilizzare più alcun richiamo.

Infine, il giovane portiere dopo un’annata vissuta con sicurezza nella gestione delle partite e degli allenamenti accrescerà il suo valore come giocatore e potrà ambire a nuove opportunità.

E anche nella vita di tutti i giorni come ragazzo saprà affrontare ogni sfida con coraggio, determinazione e costanza, per essere sempre un esempio e una guida positiva per i suoi pari età.

Se vuoi vedere tuo figlio eliminare una volta per tutte la paura di sbagliare e gli stati d’ansia in porta…

… Allora trova un formatore professionale che lavora solo ed esclusivamente per valorizzare e migliorare il carattere di tuo figlio.

Così lo vedrai crescere forte e sicuro come un vero numero uno.

Forza, Fuoco, Fede

Daniele Rolleri

Primo Esperto in Italia nello sviluppo della leadership del giovane portiere

I commenti sono chiusi.